Telefono Sotto Controllo Tutto sulle Intercettazioni Telefoniche e Digitali su Cellulari e PC

19Mag/124

5 consigli per proteggere il vostro smartphone Android

I Kaspersky Lab hanno dimostrato che  le applicazioni pericolose per Android sono in aumento rapidissimo, al punto da coprire il 65% delle applicazioni con malware distribuite in rete. La cosa preoccupante è che il 30% delle Apps Android con malware hanno come finalità quella di rubare le informazioni personali e e mettere sotto controllo il vostro telefono smartphone!

Nel caso in cui abbiate fatto "rooting" del vostro Android, la cosa diventa pericolosa al punto da permettere ad estranei di prendere persino il controllo del vostro cellulare. La protezione totale non esiste, possiamo però suggerirvi 3 semplici consigli per proteggere il vostro cellulare dalle intercettazioni provenienti da malware e spyware contenuto nelle applicazioni scaricate dalla rete ma anche dalle minacce che arrivano da chi installa applicazioni a vostra insaputa sul vostro smartphone.

1) Proteggete il vostro cellulare con una password!

La singola misura di sicurezza più efficace è possibile prendere per proteggere il vostro dispositivo Android è quello di bloccare con una password. Sembra semplice, ma una password complessa - o anche un debole - di proteggere voi e il vostro smartphone dalla stragrande maggioranza delle minacce, se un malintenzionato non può riuscire a superare la schermata delle password, i vostri dati e tutto il resto on- dispositivo è generalmente sicura.

A seconda del modello del vostro smartphone Android, avrete una vasta gamma di opzioni per le password, ma sono tutti accessibili in particolare allo stesso modo. Aprite il vostro Android menu Impostazioni e scorrere fino alla sezione chiamata Posizione e impostazioni di sicurezza o qualcosa di simile. In primo luogo, consentire Sblocca Security schermo e ti verrà presentato con una serie di opzioni per le password, a seconda del dispositivo.

Se scegliete di utilizzare l'opzione Blocca Pattern, è una buona idea per pulire spesso lo schermo a sfioramento pulito, in quanto voce ricorrente della vostra serratura modello può lasciare una "scia" che può essere individuato da hacker e utilizzati per accedere a il dispositivo.

Dopo aver impostato la password di Android, è necessario impostare le opzioni di timeout dello schermo ad una opzione relativamente basso, in modo che il display del dispositivo si spegne e si blocca subito dopo l'ultima toccarlo. Per fare ciò, aprire il menu Impostazioni Android, scorrere e selezionare Display. Nella schermata seguente, individuate l'opzione Timeout schermo e selezionare un valore (suggeriamo un minuto o meno per la massima sicurezza).

2) Non fate "rooting" del vostro Android se non ne avete davvero bisogno!

Con il termine "rooting" del vostro dispositivo Android significa rimuovere una serie di restrizioni che il produttore e l'operatore installano per rendere più facile l'installazione e la distribuzione di applicazioni ei servizi che vogliono farvi utilizzare.

Questa modifica anche apre a livello di sistema l'accesso alle risorse di base del dispositivo, che non è una buona cosa, almeno dal punto di vista della sicurezza, poiché così facendo rimuove anche una serie di garanzie installate per proteggere il dispositivo da malware e altro codice potenzialmente pericoloso .

A meno che non siete sviluppatori o qualcuno che conosce molto bene Android, oppure siete disposti a correre dei rischi, NON si deve fare rooting del dispositivo Android. Mai. E' vero che senza rooting potreste non potere installare delle applicazioni interessanti, applicazioni personalizzate e servizi, e non sarete in grado di scaricare applicazioni da molti siti non ufficiali di terze parti. Tuttavia, evitando il rooting avete la garanzia di aumentare notevolmente la sicurezza, perché in gran parte le applicazioni non possono avere a livello di sistema di accesso senza rooting.

3) Scaricate le applicazioni dal Google Play / Android Market!

Anche se sono state rilevate delle applicazioni con malware persino sul Google Play, è comunque consigliabile scaricare e installare le applicazioni soltanto da lì e non da siti web o da altri Market paralleli.

Le applicazioni presenti sul Google Market sono soggette a dei controlli minimi (cui a volte sfuggono malware, come nel caso dell'applicazione "DroidDream"...)  che vi proteggono sicuramente di più rispetto a quanto si trova liberamente in rete.

4) Installate un antivirus!

Come per i personal computer, anche per  gli smartphone sono disponibili antivirus che vi proteggono da applicazioni malevole. Un buon antivirus può rilevare tentativi di controllo del cellulare da parte di spy software, trojan, virus e diverse forme di malware.

Tra gli antivirus gratuiti per Android possiamo consigliarvi i seguenti, tutti di buon livello:

Riteniamo che Avast sia il migliore, come potete osservare da questa tabella di confronto, che però è destinata a mutare nel momento in cui i concorrenti aggiungono i servizi mancanti.

 

5) Disattivate wifi e bluetooth se non vi serve!

In generale, è una saggia idea disabilitare qualsiasi opzione di connessione wireless sul vostro smartphone Android. In altre parole, si dovrebbe spegnere il Wi-Fi quando si esce di casa e non si è in disponibilità di un'altra rete Wi-Fi per la giornata. Allo stesso modo, quando avete finito di usare l'auricolare bluetooth in auto o a casa, disattivate la funzione Bluetooth. In questo modo non solo conservate la durata della batteria, ma ridurrete anche il rischio rilevamento da parte di hotspot dannosi, e quindi anche la connessione a dispositivi senza la vostra conoscenza.

Inoltre, si dovrebbe anche disattivare la connessione automatica Wi-Fi - se il dispositivo dispone di questa opzione - per essere sicuri di non connettersi automaticamente a un Wi-Fi hotspot gratuito pubblico, attraverso il quale un malintenzionato potrebbe accedere ai dati del dispositivo. Potete disattivare la connessione automatica wifi aprendo il vostro Android menu su Impostazioni, quindi scegliendo Wireless & Networks e successive, impostazioni Wi-Fi. Se il dispositivo ha una connessione Wi-Fi con opzione auto connect, dovreste vederlo elencato qui. Deselezionare la casella di connessione automatica per disattivare questa funzionalità.

Nella pagina delle impostazioni Wireless & Networks, vedrete anche una opzione Impostazioni Bluetooth. Aprite le impostazioni Bluetooth e disattivate la funzione Bluetooth se non è già stata disattivata. Altra cosa molto importante, fate clic sull'opzione nome del dispositivo e cambiate il nome del vostro Android in qualcosa di unico e specifico per voi. Ciò consentirà di ridurre la confusione in futuro, se doveste tentare di collegare lo smartphone ad un altro dispositivo via Bluetooth.

Commenti (4) Trackback (0)
  1. Ciao

    io lo trovo utile invece questo articolo.

    Vorrei farti una domanda sai per caso se c’è il modo di proteggere il collegamento usb al pc, magari con una password?

    grazie

    • Grazie, non si può proteggere la connessione USB in sé, ma se viene impostata una password sullo smartphone (es. iPhone o Android) non sarà possibile sincronizzarlo con il computer cui il cellulare è connesso tramite USB se non si conosce la password di sblocco. Quindi la protezione consiste nell’impostare una password (PIN, password completa o anche pattern lock) sullo smartphone.

  2. Consigli alquanto inutili

    • Jack, forse a te questi consigli su come difendersi dagli spyware o dai software spia sul proprio smartphone Android potranno sembrare scontati, ma tanti si beccano trojan, virus, spyware, software di intercettazione, programmi spia, senza averne la minima idea.

      Forse il consiglio di disattivare bluetooth e wifi è esagerato, non lo fa nessuno perché a tutti serve usare reti wifi o un auricolare bluetooth. Ma il fatto di evitare il rooting del telefono, cosa che tanti fanno per motivi futili (magari per installare un’applicazione che poi non useranno mai) è un consiglio molto utile per chi vuole evitare di avere il cellulare sotto controllo da parte di spyware.

      Usare il Google Play Market è un altro consiglio utile, poiché installare software non autorizzati, scritti da ignoti, è pericoloso. Cosa piuttosto inquietante è il fatto che i programmi per Android gratuiti spesso richiedono abilitazioni esagerate, tipo accesso a rubrica, telefonate, sms, svariate API di basso livello dello smartphone. Ci sarà un motivo… 🙂


Leave a comment

I trackback sono disattivati.